Dialettando

(0)
Di Mariani, Ruggero
Libro inserito e revisionato da Biblioteca Comunale Labico
Ancora nessuna recensione

Si chiama “All’osteria de i ‘gnoranti” il gruppo Facebook, tutto labicano, che ha avuto l’idea di curare un libro dedicato al dialetto di Labico. Il libro, dal titolo Dialettando, è stato presentato a Labico nel pomeriggio di sabato 29 agosto.Dialettando è stato curato da Anna Lucia Paris, Luigi Fioramonti, Luigina Frisina, Pinuccia Giuliani, Luciana Granati, Ruggero Mariani, Clementina Miele, Rosanna Palazzi, Lucrezia Trionfera e Giacomina Tulli. Il libro è stato sponsorizzato da CSAAL e Associazione Castello di Lugnano, patrocinato dal Comune di Labico. È stata una presentazione tanto divertente quanto culturale: professori e docenti specializzati in linguistica hanno spiegato l’importanza del dialetto, mentre alcuni tra gli autori e curatori del libro hanno strappato sorrisi e risate al pubblico leggendo brani in dialetto. Il libro è stato scritto lavorando sulla piattaforma di Facebook. Queste pagine rappresentano una pietra miliare della storia, cultura e tradizione non solo di Labico, ma di tutta l’Italia. Come ha infatti ben spiegato il Professor Gianmaria, ricercatore dell’ISALM (Istituto di Storia e di Arte del Lazio Meridionale): “Noi oggi non parliamo più dialetto. Se anche riuscissimo a ricostruire il dialetto, non sarebbe lo stesso. L’italiano si è diffuso non grazie alla scuola, né grazie alle grandi strutture di massa, ma grazie alla televisione. È la televisione che ha sancito il passaggio dal monopolio del dialetto al monopolio della lingua italiana. Per questo, il dialetto di oggi, non è il “vero”, antico dialetto, ma è una sorta di metalinguaggio. E non è un caso se, ad oggi, non ci sia un Paese che non abbia studi sul dialetto. Questo fenomeno nasce perché c’è uno spirito nuovo, legato alla riscoperta delle comunità locali. È una sorta di reazione ai fenomeni macro nazionali, internazionali e, ancora di più, globalizzanti”. La riflessione si è spostata su quanto i proverbi sappiano rispecchiare i rapporti tra Paesi: basta pensare all’antichissima rivalità tra labicani e valmontonesi… quanti proverbi o detti vengono in mente a tal proposito? Attraverso l’analisi del linguaggio è davvero possibile ottenere squarci di realtà. L’Italia dei molti dialetti ha necessariamente dovuto apprendere una lingua comune. Questo non significa però che sia giunto il momento di lasciarci i dialetti alle spalle: è il momento, semmai, di apprezzarli ancora di più e custodirli gelosamente. Come infatti nota Clementina Miele all’inizio della presentazione: “Questo libro è frutto della nostra tradizione, dei nostri nonni, dei nostri avi. Attraverso l’uso del dialetto noi portiamo avanti ciò che siamo stati. Non è un caso se quando siamo particolarmente arrabbiati o particolarmente felici parliamo in dialetto: il dialetto è la lingua del sentimento!” Il Professor Cecilia, ricercatore dell’ISALM, interviene facendo riflettere su quanto il dialetto sia il punto di congiunzione tra le nuove e le vecchie generazioni, tra gli anziani e i giovani. “La cosa bella”, aggiunge, “è che il dialetto lo possiamo parlare tutti: non serve andare a scuola per sapere il dialetto, anzi, il dialetto, con la scuola, si è inquinato. Il dialetto ha sempre saputo unire tutti: chi aveva la possibilità di studiare, chi non la aveva, i giovani, i vecchi, tutti parlavano il dialetto. È per questo che dobbiamo conservarlo: una volta scritto, è un punto di riferimento per chi c’è e un punto di partenza per chi verrà”. Gli ultimi due interventi sono stati quelli del Dottor Silvestri e della Professoressa Cardinale, esperti in linguistica e dialetti locali. La parte più affascinante della presentazione sono state le letture e gli interventi in dialetto: assaggi di storia e tradizione. Ed è per questo giusto concludere ricordando che “pure i puci tieu la tosse” e, soprattutto, “spoglia, spoglia erenu tutti stracci”!

Luoghi

Dettagli


Autore
Mariani, Ruggero
Genere
Saggistica, Cultura locale

Biblioteche in cui trovarlo


Recensioni


Ancora nessuna recensione

Vuoi proporre un nuovo libro?