I fuochi del Basento

(1987)
Di Nigro, Raffaele
Libro inserito da Antonio Caccavale - Revisionato da Chiara89
Ancora nessuna recensione

Al centro di questo struggente romanzo corale ambientato nel Sud (in Puglia, Basilicata e Calabria tra il 1784 e il 1861) c’è il sogno di una repubblica contadina. Inserendosi d’autorità nel filone della grande letteratura meridionalista, accanto ai testi di De Roberto e Tomasi di Lampedusa, di Alianello e Jovine, di Carlo Levi e Casiglio, di Tommaso Fiore e Scotellaro, I fuochi del Basento trasforma una animata epopea popolare (con rivoluzioni e carestie, guerre ed epidemie, stragi ed amori, utopie politiche ed epifanie magiche) in un affresco epico e mitografico che impasta eventi storici e avventure private, movimenti di rivolta e profezie religiose, scorribande brigantesche e lotte politiche. Accanto ai personaggi storici (dai re di Napoli al cardinal Ruffo, da Murat a Garibaldi, da Crocco a Tommaso Bindi) si muovono quattro generazioni di un’emblematica famiglia di braccianti: con Francesco che nel 1799 vediamo guidare una rivolta contro i borboni tra l’Ofanto, il Basento e il Crati e Raffaele Arcangelo carmelitano scalzo con stimmate che nel 1830 fonda l’Ospizio del Preziosissimo Sangue, con molte donne coraggiose o sventate e molti bambini curiosi e incantati. Lettore di Salimbene de Adam e dell’Anonimo Romano della Vita di Cola, Raffaele Nigro trasforma un variegato palinsesto di cronache familiari e d’epoca in una saga di sangue e poesia, di eventi surreali e visioni, di dialoghi con i morti e gli animali, di certami poetici ed esorcismi, di affetti quotidiani e di devastanti passioni.

Dettagli


Autore
Nigro, Raffaele
Editore
Camunia
Anno
1987
Codice ISBN
9788877670045
Genere
Romanzo storico
Premi e riconoscimenti
Premio Campiello

Recensioni


Ancora nessuna recensione

Vuoi proporre un nuovo libro?